In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Crescono le adesioni alla manifetazione nazionale Fiom

Calabria Attualità

Cresce di giorno in giorno anche in Calabria l’adesione dei lavoratori e delle lavoratrici, dei giovani, dei precari, dei cittadini, alla manifestazione nazionale indetta dalla fiom -cgil che si terrà sabato 21 Novembre prossimo a Roma sotto lo slogan: “ Unions Per Giuste Cause”.

Da Gioia T., da Catanzaro, da Cosenza si stanno organizzando degli autobus ed alle rispettive strutture della FIOM è possibile rivolgersi per prenotarsi. Ovviamente, come ha sottolineato il segretario generale Maurizio LANDINI,dopo i fatti tragici accaduti a Parigi, la manifestazione ha allargato i temi alla lotta al terrorismo, contro la guerra, per la pace e la convivenza civile.

La piattaforma su cui è stata costruita la manifestazione ha un orizzonte ampio prefiggendosi di contrastare la legge di stabilità presentata dal Governo, di riconquistare il contratto collettivo nazionale di lavoro, l’abbassamento dell’età pensionabile, investimenti pubblici per creare nuovo e buon lavoro, il reddito di dignità. Tutti temi a cui la Calabria, con le sue peculiari e drammatiche condizioni economiche e sociali particolarmente negative, guarda con attenzione ed interesse. Cosi come l’iniziativa da intraprendere per cancellare le leggi ingiuste e sbagliate che il governo ha prodotto in questi mesi come il Jobs act, proponendo un nuovo statuto dei lavoratori, la pessima legge sulla scuola, “lo sblocca Italia” e le leggi di riforma istituzionali.

Che intorno alle proposte della FIOM e della “Coalizione sociale”, anche in Calabria, cresce l’attenzione e la condivisione dei lavoratori ne è riprova la significativa partecipazione dei lavoratori metalmeccanici interessati al rinnovo del CCNL Federmeccanica. Circa 1000 tra operai ed impiegati, direttamente in produzione o in ammortizzatori sociali, hanno votato la piattaforma della FIOM, esprimendosi democraticamente in un referendum consultivo. Questo pronunciamento da forza al ruolo della FIOM- CGIL ed alle sue proposte. La manifestazione di Sabato prossimo sarà un importante appuntamento di lotta per cambiare lo state delle cose.