In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Istat: in Calabria 2.659 incidenti stradali nel 2014, calano i decessi (-41,6%)

Calabria Infrastrutture

Nel 2014 si sono verificati in Calabria 2.659 incidenti stradali, che hanno causato la morte di 101 persone e il ferimento di altre 4.428. Rispetto all’anno precedente si registra una flessione del numero degli incidenti (-4,1%) e dei feriti (-6,2%) maggiori di quelle rilevato nell’intero Paese (rispettivamente -2,5% e -2,7%). Il numero delle vittime della strada, invece, aumenta del 3,1% a fronte di un calo in Italia dello 0,6% (Prospetto 1).

Il Terzo e il Quarto Programma d’azione europeo per la sicurezza stradale, rispettivamente per i due decenni 2001-2010 e 2011-2020, impegnano i Paesi membri a conseguire il dimezzamento dei morti per incidenti stradali con una particolare attenzione, nel decennio in corso, agli utenti vulnerabili. La regione Calabria si posiziona tra quelle che hanno conseguito riduzioni inferiori alla media nazionale: nel 2014 i decessi si sono ridotti del 41,6% rispetto all’anno 2001 (Italia -52,3%, Cartogrammi in allegato).

Nel primo periodo di attuazione del Quarto programma (2010-2014) in Calabria le vittime della strada si riducono del 26,8% (-17,8% in Italia). L’indice di mortalità passa fra il 2010 e il 2014 da 4,3 a 1,9 nella provincia di Catanzaro, che registra la migliore performance, e da 2,9 a 6,6 a Vibo Valentia, per la quale sono maggiori le difficoltà nel perseguire l’obiettivo.

L’insieme degli utenti vulnerabili classificati secondo l’età (bambini, giovani e anziani) è quello per cui è più complesso il conseguimento di miglioramenti significativi. In Calabria l’incidenza di utenti vulnerabili per l’età deceduti in incidente stradale (35,6%) è inferiore di oltre dieci punti percentuali alla media nazionale (46,1%). Invece, il peso relativo di utenti vulnerabili per l’età feriti sul totale (37,5%) risulta superiore alla media Italia (35,3%). Tra il 2010 e il 2014 il numero degli utenti vulnerabili classificati secondo il ruolo (pedoni e conducenti/passeggeri di veicoli a due ruote) deceduti in incidente stradale diminuisce del 15%, un tasso inferiore a quello medio nazionale (-18,4%).