In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Unitalsi, appello di una coppia per un aiuto a vivere dignitosamente

Calabria Attualità

"Il 5 Ottobre 2015 è ricorso il nostro 30° anniversario di matrimonio e non abbiamo potuto festeggiare insieme questa tappa importante della nostra vita. Infatti, lo scorso 11 agosto a mio marito Filippo è stato diagnosticato un carcinoma all'esofago. E' stato come un pugno in pieno viso. L'idea di trascorrere serenamente la "vecchiaia" insieme frantumata e svanita improvvisamente. Abbiamo dovuto spostare la nostra vita a Milano per potere curare mio marito".

E' quanto scrive in una lettera aperta alle istituzioni locali e nazionali Gisella Raso da Catona (RC) che con il marito, Filippo Nucera convive sin dall'infanzia con una grave disabilità (entrambi colpiti da poliomielite). Oltre alla disabilità i due coniugi devono fare i conti con una malattia grave che ha colpito Filippo e che li ha costretti a cercare a Milano un'accoglienza per fare le visite e le terapie negli ospedali milanesi specializzati. Questo appello arriva dopo quello di Marietta di Sario, una disabile di Carpi che aveva denunciando l'indifferenza delle istituzioni nei suoi confronti e di tutti coloro che vivono la malattia.

"Il 24 di Ottobre – aggiunge la Raso - grazie al Treno Bianco dell'Unitalsi, che in questi anni ci ha supportato in queste nostre mille difficoltà, siamo riusciti, dopo oltre un mese e mezzo, a rivederci. Durante il viaggio in treno i volontari dell'Unitalsi mi hanno assistita nello svolgere la terapia di ventilazione, perché da due anni ho anche questa difficoltà. Arrivata a Milano, ci siamo subito attivati per cercare una sistemazione per rimanere insieme senza essere così di peso ai nostri parenti. Un vero girotondo dantesco folle: oltre ad avere il dolore nel cuore si aggiunge l'umiliazione delle beffe ad oltranza. Esiste una speculazione sul dolore allucinante. Gli affitti di appartamenti nei pressi delle grandi strutture ospedaliere: strozzinaggio alla stato puro! E poi rincorrere numeri di telefono che ti portano allo stato di partenza tra associazioni settoriali, dove la tua urgenza e prostrazione è zero! In tutto questo dove sei Stato Italiano? Abbiamo cercato anche una soluzione di ricovero per entrambi pur di rimanere insieme: la burocrazia e i cavilli insormontabili".

"Reputo ingiusto – prosegue la Raso - che il mio handicap mi condanni a non trascorrere questo tempo prezioso insieme a mio marito! Mi rivolgo e pongo alla moralità civile e sociale: continuare a vivere nell'indifferenza, sapendo che ogni giorno si consumano continue ingiustizie: è vivere? Il lavoro di tutti dovrebbe concorrere a evitare gli scempi e le tragedie umane. Disumano invece che le istituzioni siano solo lobby chiuse, dove esistono i privilegi solo per gli appartenenti. Chiedo a tutti di non farci subire questa ingiustizia".

"Nel 1980 – specifica la RASO - abbiamo fondato una Cooperativa Sociale denominata "Calabria7" con annessa comunità-alloggio a Catona (RC) per il superamento dell'handicap e con conseguente inserimento sociale delle persone disabili. La comunità-alloggio "Calabria7" ha accolto negli anni persone che poi hanno maturato la consapevolezza di sé e si sono inseriti nella società con ottimi risultati.

"Vi ho raccontato tutto ciò – conclude la RASO -, per mettervi al corrente che non siamo stati solo "parassiti" e "mantenuti" da questo Stato ma in qualche modo abbiamo messo a disposizione le nostre potenzialità a favore di persone in difficoltà come noi. Nel 1985 io e Filippo ci siamo sposati creando il nostro nucleo familiare. Abbiamo due figli che vivono la crisi di questo nostro Paese: la mancanza di lavoro e quindi di un riferimento economico stabile".