In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Emergenza latte: anche la Calabria si mobilita, 300 le aziende a rischio

Calabria Attualità

“Non è più possibile reggere i costi attuali per produrre il latte senza una adeguata remunerazione del prodotto. Per tale motivo decine di stalle anche in Calabria rischiano la chiusura.” Lo rende noto in un comunicato stampa la Coldiretti Clabria.

“La situazione di incertezza riguarda un comparto della zootecnia calabrese che vede coinvolte trecento imprese di produzione – prosegue Coldiretti - e circa un migliaio di addetti operanti nella filiera.

Il prezzo del latte determinato, fondamentalmente dalla multinazionale Lactalis che ha acquisito i marchi italiani più famosi (Parmalat, Locatelli, Invernizzi e Galbani), in Lombardia e in alcune re-gioni del nord si riverbera anche nella nostra regione con conseguenze letali sulla tenuta delle a-ziende. Lactalis pretenderebbe di fissare a 32-34 centesimi il prezzo del latte da corrispondere ai produttori italiani senza tener conto degli effettivi costi di produzione. Anche il Ministro Martina – fa sapere la Coldiretti calabrese - ha riconosciuto che, il prezzo del latte alla stalla, non può che essere allineato ai costi che i produttori affrontano per produrlo oggi calcolati in circa 40 centesimi.”

La mobilitazione prevede, a partire da mercoledì 11 novembre alle ore 9:30, la costituzione di un presidio in prossimità dell’importante centro commerciale Carrefour a Zumpano-Cosenza, dove confluiranno centinaia di produttori da tutta la regione e dove saranno portate anche le mucche da alcuni allevamenti.

“E' inconcepibile - sostiene il Presidente della Coldiretti Molinaro - impacchettare il latte straniero con marchi del Made in Italy, e contemporaneamente prendere per il collo i produttori italiani costrin-gendoli a chiudere le loro stalle. ecco perché chiederemo ai consumatori, con presidi davanti ai su-permercati delle nostre città, di acquistare il latte e i formaggi vero Made in Italy e vero Made in Calabria. Inviteremo i cittadini a compiere un gesto concreto con il quale aiutare gli allevatori cala-bresi a restare in attività e a continuare a garantire la qualità dei prodotti che trovano sugli scaffali.”