In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

In corso a Milano il 4° Festival dei beni confiscati alle mafie

Calabria Attualità

È in corso a Milano il Festival dei beni confiscati alle mafie. L’evento, giunto alla sua quarta edizione, ha preso il via il 6 novembre e concluderà domani, domenica 8 novembre.

Il 2015 ha registrato un aumento dei beni confiscati rispetto allo stesso periodo del 2014 per un totale di circa 13mila beni, di cui il 46% sono beni immobili. Secondo l’ultimo dato pubblicato dall’Agenzia nazionale (ANBSC – 30 settembre 2015) sono 17.577 gli immobili sequestrati e 3.187 le aziende confiscate in Italia: la Lombardia è quinta con 1.266 immobili dopo Sicilia (6.916), Campania (2.582), Calabria (2.449) e Puglia (1.665); è quarta invece nella classifica delle aziende con 286 attività sequestrate e confiscate, dopo le 1.148 della Sicilia, le 529 della Campania e le 315 della Calabria.

Il festival promosso da Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, Fondirigenti e ALDAI, con il supporto scientifico di Fondazione Istud, Fondazione Politecnico, SDA Bocconi, Università Cattolica - Centro F. Stella, Luiss Business School approfondisce i casi più eclatanti di recupero di beni confiscati alle mafie nel comune di Milano e in Lombardia, da Casa Chiaravalle, il più rilevante bene confiscato in Lombardia, a Cuggiono, un complesso di terreni e immobili nei dintorni del Parco del Ticino.

Attualmente gestiti dall’Assessorato alle Politiche sociali, promotore del Festival, i beni sequestrati e confiscati a Milano, sono complessivamente 161 e sono stati assegnati ad associazioni del Terzo Settore e del volontariato per numerose e diverse attività di sostegno alla persona e promozione della socialità: assistenza agli anziani e alle persone con disabilità, laboratori di quartiere per giovani, abitazioni per famiglie in difficoltà, negozi solidali, spazi per iniziative culturali.

I progetti, seguiti e sviluppati da un gruppo di manager inseriti in una white list qualificata e certificata, hanno coinvolto diversi enti: Comuni, Cooperative sociali, Onlus e realtà del terzo settore, Istituzioni locali.