In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Produttori e Regione insieme per il futuro del vino calabrese

Calabria Attualità

Marketing, comunicazione, identità territoriale. Ma soprattutto sinergie per una strategia a lungo termine che sostenga il vino calabrese. Decine di aziende del vino calabrese vogliono discutere del presente e ragionare insieme del futuro.

Il mondo del vino in Calabria ha voglia di fare e non attendere. Con questo intento nel settembre 2014 una cinquantina di produttori – per un incontro organizzato da Vinocalabrese.it – si ritrovarono a Torre Melissa per discutere a tutto tondo dei nuovi approcci alla comunicazione collettiva e al marketing operativo del settore vitivinicolo calabrese. Il frutto di quell’appuntamento – unico nel suo genere e partecipato da una cinquantina di produttori – fu la redazione di un documento programmatico che ora le aziende calabresi vogliono portare all’attenzione della politica regionale per affrontare l’organizzazione del Vinitaly 2016 ed aprire una discussione concreta che permetterà a tutti di dare il proprio contributo allo sviluppo del comparto vitivinicolo regionale.

Così grazie alla disponibilità del consigliere regionale Mauro D’Acri, che si è fatto portavoce con i vertici dell’esecutivo della Regione Calabria, il 11 novembre alle ore 15.00 nella sede della cittadella regionale a Catanzaro i produttori del mondo vitivinicolo calabrese incontreranno il governatore della Calabria, Mario Oliverio, per un confronto aperto sulle sfide presenti e futuri dell’enologia.

«Dobbiamo con entusiasmo recepire i segnali che ci vengono dagli imprenditori e dagli attori del territorio – dichiara l’on Mauro D’Acri – questo è il compito della politica ed è su questo presupposto che si sviluppa la mia azione pubblica e politica».

ll vino è il principale medium con cui si raccontano i diversi territori della straordinaria terra calabrese – è scritto nel documento che verrà portato all’attenzione del Presidente Oliverio - e dei suoi popoli e ora più che mai ha bisogno di una comunicazione istituzionale del brand Calabria, capace di emozionare, di conquistare l’attenzione degli operatori e dei mercati.

I produttori calabresi vogliono cogliere le sfide dei mercati e poter dialogare con la classe dirigente della regione al fine di coordinare insieme alcuni processi di sviluppo del settore. Dialogo con i territori, con il pubblico, con la stampa specializzata e le istituzioni saranno i passi da muovere per una rete sempre più ampia di realtà storiche e nuove identità che oggi vuole emergere come gruppo e crescere insieme ai settori contigui come quella della ristorazione regionale e delle produzioni tipiche di eccellenza.

Giovanni Gagliardi, promotore di questa iniziativa nata sotto il nome “Non perdiamoci in un bicchier d’acqua”, ritiene che «il momento è gravido per portare a compimento questo cambiamento in atto. Sono fiducioso che la politica e gli attori pubblici, accoglieranno i contributi che verranno dal basso e li sosterranno con forza. Viviamo una fase importante dell’enologia regionale alla quale invitiamo a partecipare davvero tutti, produttori, associazioni di categoria, rappresentanti delle istituzioni che hanno a cuore il vino e le sue ricadute di sviluppo sul territorio».