In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Continua l’allerta per temporali e venti forti

Calabria Attualità

Il sistema perturbato in transito dal Tirreno centrale verso lo Stretto di Sicilia determina spiccata instabilità sulle regioni meridionali, particolarmente intensa e frequente sui settori ionici dove si accompagna all’intensificazione della ventilazione orientale nei bassi strati. Il lento movimento dell’intero sistema verso sud causerà la persistenza dei fenomeni sui settori ionici di Calabria e Sicilia fino alla giornata di domenica.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, quindi, un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quelli diffusi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio/sera di oggi, venerdì 30 ottobre, precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sulla Basilicata, specie sui settori meridionali e ionici, e sulla Calabria, in estensione nella giornata di domani, sabato 31 ottobre, alla Sicilia, con carattere di particolare persistenza sui settori ionici. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità rossa per rischio idrogeologico localizzato in Sicilia sui settori nord-orientali e sul bacino del Simeto, nonché su gran parte della Calabria e della Basilicata. Criticità arancione valutata su Basilicata settentrionale, Calabria tirrenica e restanti aree della Sicilia orientale. Criticità gialla, infine, sulla Sicilia occidentale e sui settori ionici della Puglia.