In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Magorno(Pd): “Forte battaglia contro tutte le lobbies che invadono il settore sanitario”

Calabria Salute

“Il Partito democratico, come già fatto nel corso della campagna elettorale, interverrà in maniera decisa per tutelare in diritto alla salute dei calabresi e in questa direzione contro ogni tipo di interesse nella sanità pubblica, quanto contro eventuali rendite parassitarie e illegittime di posizione nella sanità privata, agendo esclusivamente a favore dei calabresi. Nella sanità è necessaria chiarezza di atti e comportamenti. E in questo senso invito il commissario ad acta alla sanità Massimo Scura a rendere pubblici a tutti i calabresi gli atti da lui proposti rispetto alla vicenda dei budget delle cliniche e degli istituti sanitari privati convenzionati”. E’ quanto afferma il segretario regionale del Partito democratico, Ernesto Magorno.

Siamo al fianco del presidente Oliverio: le opinioni espresse nell’assemblea regionale del Partito in ordine al ruolo della sanità pubblica nella nostra regione, sono legittime e assolutamente condivisibili. Non è ammissibile che venga citato in giudizio per rispondere di legittime opinioni. L’azione nella sanità deve essere rigorosa, trasparente e determinata nella condotta di una forte battaglia contro tutte le lobbies che invadono il settore: devono essere rispettate le regole, che devono valere per tutti, senza alcun tipo di favoritismo. Quello che vogliamo – conclude il segretario regionale del Pd - è un cambiamento radicale del sistema sanitario calabrese, che siamo certi si attuerà anche al momento della nomina dei direttori generali che saranno figura di alto profilo in radicale rottura con il passato, a sostegno di quanti lavorano per la sanità che funziona, quella sanità che i calabresi vogliono e meritano”.