In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Verdi, “Si continua a parlare di discariche in Calabria, è il momento di dire basta”

Calabria Politica

"La situazione discariche in Calabria continua a tenere banco, ovviamente nell’accezione totalmente negativa del termine, e non sono solo quelle già esistenti a destare preoccupazione per la salute dei cittadini e la preservazione del territorio. Mentre il filo che lega Celico, Bucita e Scala Coeli diventa sempre più rosso e più sottile giorno dopo giorno ecco che i soliti speculatori continuano a cercare di sfruttare i rifiuti per arricchirsi a spese dei cittadini e della nostra terra". E' quanto scrive la federazione dei Verdi.

"Il 16 giugno scorso, infatti - continua la nota - la Formica Ambiente ... ha presentato al Dipartimento Politiche dell’Ambiente della Regione Calabria una pratica di Valutazione Impatto Ambientale per un progetto riguardante una “discarica per rifiuti speciali non pericolosi” che dovrebbe essere realizzata nel comune di Vallelonga (VV) in località Cucuzzella. Un progetto da 1,3 milioni di metri cubi di rifiuti (che vengono definiti non pericolosi in base a logiche prettamente di mercato dato che ogni tipologia di rifiuto è un pericolo per l’uomo e per l’ambiente) che andrebbe a creare l’ennesimo scempio nel territorio regionale favorendo esclusivamente appetiti e affaristi dell’immondizia a discapito, come sempre, delle popolazioni e dell’ecosistema. L’opposizione dei Verdi calabresi, così come ogni volta che si parla di discariche senza alcun criterio di salvaguardia ambientale e di ciclo virtuoso dei rifiuti, è e sarà ferma e incrollabile. Ci appelliamo alle istituzioni affinché “affari” del genere non siano più concepiti in Calabria e affinché progetti neocoloniali di questa risma spariscano definitivamente dalla storia regionale. E’ ora di cambiare sul serio, le ferite provocate dal business dei rifiuti sono troppe e non ancora rimarginate in questa regione da troppo tempo vista come la pattumiera d’Italia".