In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Adda sull’inizio dell’anno scolastico per gli studenti diversamente abili

Calabria Attualità

"L’inizio dell’anno scolastico in Calabria è stato fissato il prossimo 14 settembre. Come associazione che si prefigge la tutela dei ragazzi diversabili non possiamo non richiamare l’attenzione sulla questione, assolutamente fondamentale, degli assistenti educativi". E' quanto scrivono Vito Crea, presidente Adda e Domenico Distilo, vicepresidente. "Il rischio che deriva dall’uscita di scena delle province - continua la nota - e dalla ridistribuzione delle competenze di queste è, infatti, che si vada incontro a un palleggiamento di responsabilità da parte degli enti preposti, con il risultato della sostanziale elusione dei compiti e della lesione del diritto costituzionale allo studio e alla formazione.

E’ per questo motivo che auspichiamo –confidando nella sensibilità del neoassessore dottoressa Federica Roccisano - un intervento della Regione che si concretizzi nell’emanazione di linee-guida che facciano chiarezza sulle competenze, sui tempi –a questo punto oltremodo ristretti- nei quali devono esercitarsi e sulle modalità più idonee al conseguimento degli obiettivi didattico-formativi.

La questione degli assistenti educativi non è però la sola a rendere problematico l’avvio dell’anno scolastico sul fronte della disabilità. Dalla redazione ed attuazione dei PEI alla definizione dell’insieme degli aspetti organizzativi, in primis il funzionamento dell’ Unità multidisciplinari, è necessario che i Dirigenti scolastici, ai quali la legge sulla cosiddetta Buona scuola conferisce poteri che potrebbero essere positivamente determinanti, li esercitino nell’esclusivo intendimento di favorire i processi di istruzione-formazione. Per quanto ci riguarda vigileremo perché questo avvenga senza dar luogo ad esitazioni e tergiversazioni".