In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Le fogne d’estate che imbrattano la Calabria e il sogno di una Sila in mano agli emiliani

Calabria Cronaca Vincenzo Ruggiero

Quel che accade a Paola e a Crotone è, senza dubbio, il colmo dell’ignavia amministrativa di questa regione. Ignavia nella peggiore delle attribuzioni, e tale da far impallidire anche la narrativa Dantesca (“Ed elli a me: ‘Questo misero modo tengon l'anime triste di coloro che visser sanza infamia e sanza lodo’. Mischiate sono a quel cattivo coro delli angeli che non furon ribelli né fur fedeli a Dio, ma per sé foro).

Due piccole città, accomunate dai tanti problemi e da un’unica risorsa: coste sterminate e mare, un tempo, limpido e cristallino. Un tempo, sì! Ormai bell’e andato ed in cui, con un minimo d’iniziativa e di morale “pubblica”, si sarebbe potuto consentire ad entrambe - non a caso simboliche per posizione geografica: una a ovest, sul Tirreno, l’altra ad est sullo Jonio - di assurgere a punti di riferimento dello sviluppo turistico (ed economico) della Calabria.

Paola e Crotone esempi per attualità contemporanea, ma non soli ed ultimi nel triste primato di “inettitudine”: da nord a sud, da est ad ovest, lungo la linea jonica quanto quella tirrenica, tanti sono i comuni marittimi che, chi più chi meno, hanno registrato elementi di inquinamento o d’abbandono indegni per una regione civile che del turismo fa, a questo punto a sproposito, la sua bandiera.

A poche ore di distanza dal Ferragosto, nell’una e nell’altra cittadina, centinaia di persone sono dovute addirittura scendere in piazza, o meglio in spiaggia, per protestare contro l'incuria (e l’ignavia) di chi, e con poco, avrebbe dovuto evitare l’ennesima débâcle d’immagine, dura da recuperare: un versante ionico “imbrattato” di liquami fognari, quello tirrenico da acque reflue scaricate senza alcun trattamento.

E mentre a Paola la magistratura almeno s’è mossa, a Crotone tutto tace come se una “fogna a cielo aperto” si risolvesse in un banale divieto di balneazione, le numerose denunce di infezioni fossero frutto di una fervida ipocondria e le responsabilità vadano cercate, come al solito, a casa di qualcun altro (“Io non c'ero, e se c'ero dormivo. Non vedo, non sento e non parlo; così non vedendo, non sentendo e non parlando campo cent'anni, dicevano i Biddai).

Ci si domanda allora a cosa serva spendere decine di migliaia di euro in esposizioni permanenti sulla via dell’Expo milanese o in campagne promozionali; sbandierare supercazzolefanta-logistiche” di alta velocità ferrata (quando ancora, ogni giorno, un morto cade sulla “via delle Statali” abbandonate); sperperare altrettanti milioni in “improbabili” aeroporti “di quartiere” per portar su e giù per l’Italia sempre più emigranti e sempre meno fantomatici turisti che, però, illuminati dal web, hanno imparato a conoscere prima i difetti e dopo i pregi delle località vacanziere, scegliendo così oculatamente dove andare a spendere i loro già striminziti quattrini.

Per concludere, e passando dal mare alla montagna, mi risuona la frase buttata lì da un amico toscano, proprio ieri accompagnato a visitare la Sila cosentina: “l’avessero avuta (la Sila, ndr.) gli emiliani c’avrebbero fatto i milioni!”.

V.R.