In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

I gelatieri Netti e Mastroianni eccellenze calabresi

Calabria Attualità

L'appuntamento è per il prossimo 8 Agosto a San Marco Argentano, popoloso centro della provincia di Cosenza con il Premio Calabria Arte, un riconoscimento che dal 1990 viene assegnato alle personalità che si sono distinte nel panorama nazionale e/o internazionale per le loro attivita’ in campo professionale, culturale, artistico, e sportivo.

Quest'anno a ricevere questo importante e ambito riconoscimento proprio Nicola Netti assieme al collega, amico e compagno di molti concorsi in giro per il mondo Francesco Mastroianni.

Una scelta ricaduta sui due maestri gelatieri proprio per il prestigio ottenuto nell'ambito della pasticceria e gelateria che li ha portati anche all'Expo, ospiti del padiglione Eurochoccolate, ma anche per il forte legame che li lega alla Calabria dove lavorano insieme sotto il marchio della gelateria "Il Cantagalli".

Una serata speciale in cui ci sarà anche spazio per gustare lo straordinario gelato realizzato da due maestri!

Nicola Netti pugliese d’origine e calabrese d’azione, da diversi anni vive a Rende, maestro gelatiere e pasticcere da 45 anni vanta numerosi riconoscimenti anche a livello mondiale. E' ambasciatore del gelato nel mondo e , fra le altre cose, presidente del comitato italiano per la tutela, valorizzazione e promozione del gelato artigianale. Quest'anno ha vinto il premio Speciale Medaglia d’Oro alla carriera, “Vita da Gelatiere” ed è stato incoronato “Gelatiere dell’Anno”.

Francesco Mastroianni, nato a Lamezia Terme, già 5 volte campione d’Italia di gelateria, consigliere dell’associazione Italiana Gelatieri e del comitato per la valorizzazione del gelato artigianale, prosegue una tradizione familiare in una impresa “il Cantagalli” che fu già del padre Giovanni e prima del nonno.