In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Field sceglie il progetto Avapa della fondazione Umg

Calabria Salute

Tre proposte avanzate dai tre Atenei calabresi. Ma una sola è stata scelta dalla Fondazione Field nell’ambito delle attività di collaborazione in relazione all’attività di monitoraggio degli interventi finalizzati all’attuazione dei Piani provinciali delle politiche sociali per i percettori di ammortizzatori sociali. L’idea vincente è stata quella proposta dalla Fondazione Università Magna Graecia di Catanzaro che ha presentato un progetto denominato Rapporto AVAPA (Attività di Valutazione per l’Attuazione delle Politiche Attive) nel contesto del POR Calabria 2007-2013.

Una proposta completa ed articolata nata da un’analisi attenta della crisi economica in atto che ha reso sempre più complessa la situazione occupazionale generale, tanto da far focalizzare l’attenzione dei diversi Governi, che si sono succeduti alla guida del Paese, su programmi ed interventi finalizzati ad affrontarla. In tale contesto, ancora più delicata è apparsa la situazione della Regione Calabria che , in coerenza con quanto stabilito nell’Accordo Quadro Stato, Regioni e Province Autonome del 2009 , ha sottoscritto un primo Accordo con il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali per l’utilizzo temporale dei trattamenti in deroga, sulla base delle esigenze verificate dall’Ente con le parti sociali.

Il progetto AVAPA è stato proposto non solo come attività di studio ed analisi ma, facendo leva sul know-how messo in atto dall’Università Magna Græcia di Catanzaro per il tramite della Fondazione UMG, si configura come un vero e proprio progetto di knowledge management supportato dalle nuove tecnologie di lavoro in rete. Un lavoro cooperativo che coinvolge una community di docenti e ricercatori ampia e diversificata, capace di cortocircuitare competenze sociologiche, filosofiche, organizzative-manageriali, giuslavoristiche. L’idea di Avapa, risultata vincente, vuole rappresentare un’occasione utile di finalizzazione per attività di ricerca sul campo, che possa costituire un primo elemento di ragionamento rispetto al quale prospettare modelli e modalità operative future.

Il gruppo che lavorerà ad Avapa è di estrema qualità per metodologia adottata, indipendenza delle valutazioni e competenze garantite dalla componente accademica multidisciplinare del Gruppo di Ricerca che vede la partecipazione di Cleto Corposanto, Professore Ordinario di Sociologia Generale, di Alberto Scerbo , Professore Ordinario di Filosofia del Diritto, di Umberto Gargiulo, Professore Associato di Diritto del Lavoro, di Rocco Reina, Professore Aggregato di Organizzazione Aziendale. Il Responsabile Scientifico del progetto è Cleto Corposanto. All’iniziativa parteciperà anche un gruppo di giovani ricercatori, tutti di elevata qualificazione, composto da Marzia Ventura, da Paola Chiarella, da Walter Vesperi e da Umberto Pagano. Il progetto si avvarrà della collaborazione di un’apposita rete costituita dal Sistema Confindustriale e di AIDP (Associazione Italiana per la Direzione del Personale).