In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Fca richiama 164 mila Jeep Cherokee. Rischio incendio

Calabria Attualità

Massicci richiami di auto si verificano di mese in mese. Questa volta, è toccato alla casa automobilistica americana Fiat Chrysler Automobilies che ha lanciato un richiamo volontario di circa 164.000 SUV Jeep Cherokee a livello globale per problemi elettrici al portello ne posteriore che hanno causato incendi. Lo riporta la stampa americana, sottolineando che Fca è al corrente di incidenti legati al difetto. Il richiamo volontario è per poter installare coperture che proteggano i moduli di controllo di potenza del portellone, e relativi componenti, da umidità.

Questo difetto potrebbe mettere in pericolo gli utenti della strada e pertanto non si possono escludere condizioni di guida non sicure'. Interessati al richiamo tutti gli esemplari SUV Jeep Cherokee prodotti tra 2014 e 2015, ma è limitato ai veicoli dotati di portelloni di potenza. La cifra stimata è di circa 164.000 vetture di cui 13.195 in Canada, 2.406 clienti in Messico e 48.966 altrove. Non è chiaro quanti veicoli sono ancora interessati dal richiamo.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un’autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.