In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Pd: parlamento autorizzi spesa fondi regionali per lsu-lpu

Calabria Politica

“La norma legislativa che autorizza l’utilizzazione di finanziamenti regionali per la stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili dovrà essere approvata dal Parlamento in sede di conversione del Decreto Legge Enti Locali.” È quanto dichiarano in una nota congiunta Ernesto Magorno, Segretario PD Calabria, e i Parlamentari calabresi del PD.

“I Deputati del PD –continua la nota - vigileranno affinché il supplemento di approfondimento legislativo deciso ieri dal Consiglio dei Ministri, in base al quale è stata sospesa l’approvazione dei Comma dell’art. 8 del Decreto medesimo, non sia un ostacolo per portare a compimento, in maniera efficace ed irreversibile le procedure di stabilizzazione a cui sono interessati i Comuni della Regione Calabria per le categorie dei lavoratori di cui all’art. 1 della Legge 147/2013.

La decisione del Governo, assunta nella riunione di ieri è pertanto da interpretare come un ordinario rinvio e non come un diniego. Oltretutto, non si prevede alcuna copertura finanziaria aggiuntiva a carico dello Stato. Si tratta semplicemente di una norma autorizzativa affinché sia la Regione Calabria a disporre con propria Legge il finanziamento a carico del bilancio regionale.

Il testo sottoposto all’esame del Consiglio dei Ministri non è una scelta improvvisata. Il provvedimento è stato disposto dalla Commissione centrale per la finanza e gli organici degli Enti Locali ed è stato definito attraverso una azione interministeriale con la responsabilità dei dicasteri dell’Interno, Lavoro e MEF.

E’ pletorico, inoltre, sottolineare che si è registrata anche la condivisione della Regione Calabria e delle stesse organizzazioni sindacali.

I Deputati del PD, dunque, non intendono abbassare la guardia – conclude la nota - e non consentiranno che si possa perpetrare a danno di migliaia di famiglie calabresi una ulteriore pesante ingiustizia.”