In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Usa: adolescente aiuta l’Isis sui social, rischia 15 anni carcere

Calabria Attualità

Ali Shukri Amin, 17 anni, residente in Virginia, ha ammesso di aver fornito consigli e incoraggiamento all'ISIS e ai suoi sostenitori.

"Colpevole, signore", ha risposto l'adolescente, quando gli è stato chiesto dal giudice del tribunale di Alexandria, in Virginia di dichiararsi colpevole o non colpevole. Con una corporatura snella e una peluria del viso appena accennata, lo studente del liceo ha ammesso di aver inviato più di 7.000 messaggi su Twitter a sostegno dell' IS. Il suo avvocato, Joseph Flood, ha detto che il caso è senza precedenti, che Amin è stato il primo minore che rischia di essere condannato negli Stati Uniti per aver fornito aiuti materiali all' IS.

"E "profondamente pentito," ha dichiarato ai giornalisti dopo l'udienza, aggiungendo che il suo cliente ha collaborato con le forze dell'ordine. Sotto la maniglia TwitterAmreekiwitness, Amin ha fornito agli ammiratori le istruzioni su come usare la moneta virtuale Bitcoin per occultare le donazioni finanziarie al gruppo islamico radicale e consigliando di crittografare gli scambi di notizie on-line considerandolo il modo migliore per non essere scoperti. E' ha usato quello che il funzionario dell'FBI che conduce le indagini chiama la sua " prolific online presence " per offrire una guida ai sostenitori che cercano di recarsi in Siria per combattere con l'IS. Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che Amin fornito protezione per un altro giovane recluta ISIS, Reza Niknejad, 18, che ha viaggiato in Siria per unirsi al gruppo nel mese di gennaio. Quest'ultimo, Niknejad è stato accusato Mercoledì dal tribunale federale in Virginia di cospirazione per aver fornito supporto materiale ai terroristi, per cospirazione avendo fornito sostegno materiale a ISIS e ancora per cospirazione con l'intenzione di uccidere e ferire le persone all'estero. L'avvocato Flood ha descritto Amin come studente di buona famiglia che è stata vittima di abusi sotto il presidente siriano Bashar Assad. Un funzionario statunitense per la sicurezza nazionale, John Carlin, ha dichiarato che l' IS inviano messaggi in America nel tentativo di radicalizzare, reclutare e incitare i giovani americani e gli altri a sostenere la causa dell'ISIL". Per questi gruppi la rete si è trasformata nel principale strumento d’intercettazione, attraverso pagine specializzate e forum dove si glorifica l'attività jihadista. Il ciberspazio offre due vantaggi a questi radicali: anonimato e isolamento, dato che la gran maggioranza degli utenti si collega ad internet da solo e con nickname. Carlin, raccomanda ai genitori controllare le interazioni online dei propri figli. "Questo caso serve come un campanello d'allarme di come la propaganda e il reclutamento materiali di ISIL sono nelle vostre comunità e rischiano di essere viste dai vostri giovani", ha detto inoltre il procuratore federale. "Questa sfida richiede la consapevolezza e l'azione per affrontare e scoraggiare questa minaccia ovunque affiora. Per questi gruppi la rete, sottolinea Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si è trasformata nel principale strumento d’intercettazione, attraverso pagine specializzate e forum dove si glorifica l'attività jihadista. Le notizie di bambini e adolescenti che, volontariamente o involontariamente, finiscono nelle reti dello Stato Islamico e di altri gruppi jihadisti, sono ormai quasi all'ordine del giorno. Infatti negli ultimi mesi, i mezzi di comunicazione hanno riportato diversi casi di reclutamento di questi giovanissimi con una strategia deliberata da parte di tali organizzazioni di lavaggi del cervello e indottrinandoli. I meccanismi psicologici che portano migliaia di giovani a unirsi a questa causa sono relazionati alle angosce e alle motivazioni di quasi tutti gli adolescenti. Così, il primo consiglio per quei genitori che vogliano evitare che i loro figli finiscano nelle mani di questi terroristi sarebbe prestare attenzione al loro comportamento, tentando di scoprire possibili carenze emozionali e momenti di vulnerabilità, tenendo gli occhi ben aperti quando si avvicinano al web.