In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Fn, Colombo su emergenza immigrazione

Calabria Attualità

“Superano ormai abbondantemente oltre mille gli immigrati che negli ultimi giorni hanno raggiunto le nostre coste calabresi con tanto di situazione di emergenza divenuta insostenibile ed ingestibile per i Comuni che non riescono più a far fronte alle spese per garantire assistenza ed accoglienza con relativo e concreto pericolo di bomba sociale che può andare ad innescarsi.” Lo rende noto Igor Colombo, Portavoce regionale di Forza Nuova Calabria.

“In tutto questo drammatico ed allarmante quadro – prosegue Colombo- spicca l’impreparazione politica di una regione come La Calabria che non riesce ad avere una linea condivisa e comune con tutti i sindaci delle città interessate e soprattutto non ha una ferma presa di posizione rispetto a questo fenomeno, che come più volte denunciato da noi di Forza Nuova,ci sta scoppiando in faccia in tutta la sua gravità. La Calabria è oggi invasa da migliaia di clandestini e le uniche parole che si registrano dal mondo politico sono quelle scontante accompagnate da tanto buonismo peloso di facciata da parte del Governatore Mario Oliverio ed ancora di più da quelle rilasciate dall’On. Flora Sculco che parlano di politiche di sostegno e di accoglienza degli immigrati. E’ chiaro quindi che anche una regione come la Calabria che ha una percentuale altissima di disoccupati, gravi disagi nel settore della sanità,con molte strade e scuole fatiscenti, tutte le residue risorse economiche saranno assorbite,cosi come indicato dal Governo Nazionale che promette finanziamenti per chi accoglie,dall’emergenza immigrazione con tanto di totale abbandono per le politiche a favore dei cittadini calabresi.

Noi di Forza Nuova – afferma - respingiamo questo modo di concepire e di affrontare l’emergenza immigrati voluta e favorita dai “signori” della guerra e dalle multinazionali che hanno impoverito lo splendido continente africano. Da anni sosteniamo che tutti i profughi ,specie quelli siriani, devono essere accolti li dove già sono presenti grandi campi di accoglienza, come per esempio nella stessa Siria ed in Tunisia, piuttosto che farli diventare merce e carne da macello per scafisti e delinquenti professionisti che da queste emergenze ne fanno business. Diventa poi necessario creare un lavoro sinergico con tutta l’Europa per creare Protettorati in Africa ed aiutando quella gente nella loro terre,facendosi carico di sostenere politiche di crescita e di sviluppo partendo dal garantire a quelle persone la gestione delle loro immense ricchezze naturali. Invito il Governatore della Calabria Mario Oliverio ad avere una visione più ampia di questa emergenza tenendo in seria considerazione quanti rischi nelle nostre città si possono correre avendo la presenza sul suolo di migliaia di immigrati con tanto di rischio sanitario connesso. Pochi sanno infatti che gli immigrati che sbarcano sulle nostre coste calabresi vengono sottoposti a superficiali controlli sanitari con tanto di normali screening di routine,il che può portare alla facile diffusione di epidemie e malattie varie.

La regione Calabria non può farsi carico di accogliere sul proprio suolo queste massicce orde di immigrati,- conclude il Portavoce di Forza Nuova -alle facili parole di buonismo di circostanza come quelle espresse dall’On.Flora Sculco rispondo con una mia proposta a tutta la classe politica regionale che in questo momento spinge per l’accoglienza, chiedo pertanto di portare a loro spese e dei loro partiti l’assistenza a questi poveri immigrati, allestendo per un certo numero di immigrati,posti letto nelle loro sedi di partito in tutta la regione, forse questo potrebbe rappresentare un inizio di concreto aiuto da parte della politica verso le persone disperate provenienti dall’Africa e dalle zone di guerra,visto che le raffinate dichiarazioni dei politici calabresi sono sempre fine a stesse e non portano ad alcuna risoluzione definitiva dell’emergenza.”