In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ammortizzatori in deroga. Cgil, Cisl e Uil su blocco pagamenti

Calabria Attualità

"Il blocco dei pagamenti degli ammortizzatori in deroga da parte del Ministero rischia di far esplodere una situazione di fortissima tensione sociale acuendo il dramma di migliaia di lavoratori che da mesi e mesi aspettano quanto dovuto."Lo si legge in una nota congiunta delle Segreterie Regionali CGIL CISL UIL.

"Dopo il pagamento della mensilità di gennaio 2014 - continua la nota - tutto si è inspiegabilmente bloccato; infatti, nonostante la disponibilità di ben 55 milioni, i lavoratori dovranno ancora attendere non si sa ancora per quanto tempo.

La nota inviata ieri dal Ministero del Lavoro contempla alcune restrizioni retroattive che impediranno il percepimento della mobilità in deroga a migliaia e migliaia di lavoratori. Mentre c’è chi quasi plaude a queste scelte scellerate, CGIL-CISL-UIL Calabria esprimono la più ferma condanna di scelte incomprensibili fatte sulla pelle dei lavoratori.

Nello stesso tempo, vengono bloccate le istanze di mobilità 2013 non decretate per ritardi non certo imputabili ai lavoratori che ne avevano diritto e che produrranno la crescita di un contenzioso già in atto e che ora esploderà con ulteriori aggravi di costi.

Il Ministero nega, così, le prestazioni di sostegno 2014 a decine e decine di migliaia di lavoratori che, già privi di ogni fonte di reddito, si vedono ora esclusi da ogni forma di protezione sociale.

E’ evidente che da subito intensificheremo le iniziative di mobilitazione già in atto sui territori, con presidi presso le Prefetture, fino alla Manifestazione Regionale che si svolgerà a Lamezia Terme (zona aeroporto) mercoledì 10 Giugno p.v. ore 9,30, per esigere risposte certe per i lavoratori calabresi da parte di un Governo che ancora una volta sceglie di penalizzare una Regione nei fatti sempre più abbandonata ad un destino di desertificazione produttiva e ad un isolamento non solo fisico.

Al Governo Regionale chiediamo - concludono le segreterie - di aprire subito il cantiere del Piano per il Lavoro e l’Occupazione che, integrando risorse comunitarie e regionali, realizzi un sistema di vere politiche attive finalizzate al reinserimento occupazionale, perché la Calabria, dopo le tante evanescenti promesse del Governo, deve trovare la forza di rialzare la testa."