In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Cgil Calabria, “linciaggio politico contro la Bindi”

Calabria Attualità

"Sincera solidarietà alla Presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosi Bindi, per lo strumentale linciaggio politico di cui è stata fatta oggetto in questi giorni per avere indicato sedici personalità, sulla base di fatti concreti e di un codice etico e comportamentale, come impresentabili nelle competizioni elettorali". E' quanto si legge in una nota stampa della Cgil Calabria.

"Abbiamo atteso la fine delle elezioni amministrative - aggiunge la Cgil - per evitare di entrare nella polemica politica e per concentrare il nostro giudizio sul merito della questione. Diciamo subito che il nostro giudizio sul neo Presidente della Campania, De Luca, è quello di un amministratore sapiente e competente. Ma restiamo sbigottiti, invece, dal fatto che dopo che la Commissione vota il codice comportamentale, anche con l'apporto del Movimento 5 stelle, il Pd lo mette incredibilmente in discussione. Così come ci appare deplorevole e mortificante che alcuni parlamentari della stessa Commissione affermino di non essere a conoscenza di fatti che invece hanno discusso e approvato. Questo e' davvero sconcertante. Una volta i componenti della Commissione Antimafia erano autorevoli e autonomi, erano selezionati anche in base al loro prestigio per svolgere un lavoro delicato, oggi, invece, alcuni appaiono solo interessati a rispondere ad interessi di parte. Ci sorprende, poi, l'atteggiamento dell'on. Magorno, componente della Commissione, che normalmente quando è presente e parla non lo ascoltano e adesso, invece, parla, dopo aver votato, sperando di essere ascoltato. La Presidente Bindi - conclude la Cgil Calabria - ha assunto un comportamento ineccepibile dal punto di vista etico e politico cosa che invece il PD di Renzi e i suoi cortigiani stentano ad avere e che li porta ad allontanarsi dal sentire comune e dai bisogni dei cittadini come risulta evidente dal recente esito elettorale".