In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Francesco Sola rieletto, all’unanimità, segretario generale del Sab

Calabria Attualità

Alla conclusione dei lavori del 6° congresso ordinario per il rinnovo delle cariche di segretario generale e amministrativodel Sab, il 24 maggio scorso a Rende all’unanimità, sono stati confermati, per il prossimo triennio, Francesco Sola segretario generale e Domenico Sanfilippo segretario amministrativo.

Presenti le RSU elette, i segretari provinciali, i responsabili delle sedi SAB e i terminali associativi TAS accreditati presso le varie scuole.

Fra gli invitati è da segnalare la presenza e l’intervento di Antonino Ballarino presidente dell’associazione nazionale orizzonte docenti.

Il tema congressuale sviluppato è stato ruolo e funzione delle neo elette RSU, disamina generale sulla scuola, in particolare sul DDL sulla buona scuola approvato dalla Camera dei Deputati.

"Ha presieduto - si legge in una nota del Sab - i lavori congressuali, Ida Longobucco.

Hanno tenuto relazioni, oltre al segretario generale uscente Francesco Sola, Giovanni Russo segretario provinciale del SAB di Catanzaro, Vincenzo Cozzino segretario regionale del SAB Campania, con interventi delle RSU e dei TAS e degli invitati; in particolare nell’intervento Ballarino, oltre a rifiutare il DDL sulla buona scuola ha contestato l’ultima volontà manifestata dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi, cioè quella di volere un “sindacato unico”.

A tale contestazione si è aggiunto il segretario uscente Francesco Sola il quale ha evidenziato che, solo nei regimi totalitari, vi sono esperienze del genere con il modello dell’uomo solo al comando.

Cosa diversa invece è di parlare di sindacato unitario che ingloba la rappresentanza di tutti i soggetti, anche diversi, che vi sono nel mondo del lavoro e in particolare in quello scolastico per addivenire a proposte unitarie in presenza di massicci attacchi alla scuola pubblica e ai lavoratori di detto comparto, come quello posto in essere con la riforma citata".