In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Immigrazione: il turismo medico è un mito

Calabria Salute

Pochi i migranti che arrivano in Europa per avvalersi del sistema sanitario, secondo un sondaggio di Médecins du Monde. Il cosiddetto" turismo medico "sta dimostrando di essere un mito". Solo il 3% delle persone che sono emigrate lo ha fatto per motivi di salute. Il motivo principale è per il 50,2% delle persone economico.

Mentre i più poveri hanno scarso accesso alle cure sanitarie in Europa, lo ha denunciato Lunedi a Londra, l'ONG Medici del Mondo (MdM), in un rapporto che analizza anche il "mito" della migrazione per ragioni mediche." Mentre i bisogni di salute non soddisfatti sono complessivamente aumentati per le persone più povere (tra cui un numero crescente di cittadini) in molti paesi a causa delle misure dovute alla crisi e all'austerità economica. Secondo l'ONG i pazienti che bussano alla porta del MdM vivono in situazioni molto precarie.

"Sembra che le persone vulnerabili non sono trattate correttamente in Europa. I risultati si basano su un sondaggio condotto lo scorso anno su 22.171 persone (78% degli immigrati non europei) in nove paesi dell'Unione europea, tra cui Germania, Francia, Italia e Regno Unito. Negli ultimi dodici mesi al 15,2% dei pazienti erano state negate le cure mediche. L'ONG sostiene la necessità di " una politica sanitaria che includa i deboli ed i malati, piuttosto che una politica di esclusione, come avviene oggi".

Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, alle persone che vivono in condizioni di povertà si pensa solo in termini di insufficienti risorse economiche, ignorando che esiste tutta una serie di altre privazioni che peggiorano lo stato di precarietà e ne impediscono il superamento. Il diritto alla casa, al lavoro, alla famiglia, all’alimentazione, alla salute, all’educazione, alla giustizia, pur tutelati dalla Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione Europea, sono i primi a essere messi in discussione e negati.