In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La miopia in aumento in Europa

Calabria Sanità

L'avvento del computer e di stili di vita sempre più vissuti in casa, hanno creato una generazione di giovani europei miopi.

Lo dimostra un nuovo studio. Circa un quarto della popolazione in Europa fra i 25 ed i 29 anni soffre di miopia. La ricerca è stata condotta dai ricercatori di uno dei due college fondatori dell'Università di Londra, il prestigioso Kings College, che ha esaminato i risultati di tutto il continente. La miopia di solito appare durante l'infanzia, l'adolescenza o nei primi venti anni, ma i giovani di oggi hanno maggiori probabilità di sviluppare questa anomalia refrattiva rispetto alle generazioni precedenti.

A livello europeo, circa una persona su quattro soffre di miopia. L'esposizione a lungo termine a schermi di computer, l'uso prolungato degli occhiali da vicino, come la lettura e la scrittura, e la mancanza di luce naturale e di attività all'aria aperta sono tutti collegati a questo difetto di refrazione che provoca una visione sfocata da lontano. In Italia ne è affetto circa il 25% della popolazione, circa uno su quattro sono miopi. I ricercatori, che hanno esaminato i risultati da 15 studi diversi, hanno scoperto che le persone che vanno all'università hanno il doppio delle probabilità di diventare miopi.In Occidente si ritiene che abbia una prevalenza indicativa del 30%. In genere insorge in età scolare, aumenta nel periodo dello sviluppo corporeo e tende a stabilizzarsi intorno ai 20-25 anni, aumentando lievemente dopo quell'età, tranne se non sono presenti particolari patologie che la fanno peggiorare. In una piccola percentuale di soggetti il difetto visivo si presenta nella forma degenerativa della retina, che provoca scarsa visione: insorge nei bambini piccoli, a 2-3 anni di età, progredisce col passare degli anni, arrivando anche a valori molto elevati (30 diottrie). I tassi di miopia sono però aumentati in tutti i gruppi a partire dai primi del Novecento, probabilmente come conseguenza di più urbanizzati stili di vita al chiuso, e lo spostamento a lungo termine da una forza lavoro prevalentemente manuale per lavori rilegato in ufficio che coinvolgono lavoro con documenti cartacei e, più recentemente, con computer. La miopia è un difetto visivo a causa del quale si vede sfocato da lontano anche se la visione da vicino può essere buona. Nel linguaggio medico è considerata un "vizio di refrazione" (o di rifrazione). Il termine "miopia" deriva dal termine greco “myo”, che significa "chiudere", per indicare l'abitudine tipica dei miopi di strizzare gli occhi per vedere meglio da lontano. Nell'occhio normale (emmetrope) i raggi luminosi che provengono dagli oggetti distanti vengono messi a fuoco esattamente sulla retina. Nell'occhio miope, invece, questi stessi raggi cadono davanti alla retina e poi divergono: si forma un'immagine sfocata. Generalmente i pazienti miopi strizzano gli occhi socchiudendo le palpebre per cercare di mettere a fuoco gli oggetti lontani. Quanto maggiore è il difetto visivo, tanto minore è la distanza alla quale si vede bene. Il difetto si misura in diottrie; ad esempio, se a una persona mancano tre diottrie all'occhio destro, significa che con quell'occhio riesce a vedere da sette metri una lettera che una persona non miope distingue da dieci metri di distanza. Gli studi in Cina, dove i tassi di miopia sono ancora più alti, hanno dimostrato che i bambini che sono esposti a più luce esterna hanno meno probabilità di sviluppare la malattia e suggerisce che più la luce è naturale, più può aiutare a prevenire la malattia. Lo studio condotto dal Dr Katie Williams, ricercatore clinico presso il Dipartimento di Oftalmologia al Kings, è stato pubblicato sulla rivista Ophthalmology. Il professore, ha detto che l'aumento di tassi più elevati di miopia nelle generazioni più giovani "non era legata al corso naturale dell'invecchiamento"."E 'qualcosa dell'ultima parte del 20 ° secolo, e certamente del 21 ° secolo e, ricade sui nostri stili di vita moderni. L'aumento coincide con la scoperta del computer e certamente dell' iPad e iPhone ", ha dichiarato il ricercatore, aggiungendo che i bambini nati nel 21 ° secolo possono avere tassi ancora più elevati. Una ricerca di Ofcom rivela che la quantità di tempo dei giovani nel Regno Unito che trascorrono online è triplicato negli ultimi 10 anni, mentre in tutta la popolazione mondiale, il tempo online è raddoppiato. Le persone di età compresa tra i 16 ed i 24 ora spendono in media 27 ore e 36 minuti in linea ogni settimana. Il professor Chris Hammond, co-autore dello studio, ha dichiarato che sarebbe necessaria una ricerca più approfondita sulla vista per comprendere meglio l'impatto di lettura sull'infanzia, l'uso del computer, l'istruzione e l'attività all'aperto. Una grave miopia è in grado di aumentare il rischio di sviluppare condizioni di visibilità pericolose, più avanti nella vita, tra cui il distacco della retina, il glaucoma e la degenerazione della retina. Il dottor Williams ha detto che i nuovi dati sulla prevalenza della miopia avevano "importanti implicazioni per il futuro onere da questa malattia dell'occhio che può minacciare la vista in età avanzata, in particolare nelle persone molto miopi."I tassi di miopia sono aumentati nelle successive generazioni, del 18 per cento tra le persone nate tra il 1910 e il 1939, del 23,5 per cento in coloro che sono nati tra il 1940 e il 1979, e aumentate del 47 per cento in quelli ormai sulla trentina. Una Storia familiare di miopia può anche aumentare il rischio di sviluppare ipertensione oculare e la ricerca in corso è focalizzata sulla comprensione di come la complessa interazione dei rischi genetici ed ambientali sono combinati per portare ad un aumento così significativo. Una nuova ricerca in campo medico che per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, dimostra come la vita "artificiale" sia associata a una maggiore probabilità di essere miopi. Inoltre, va sottolineato che una prolungata deprivazione visiva (privazione della luce) provoca miopia in seguito ad allungamento del bulbo oculare, legato all'aumento del cortisolo nel plasma sanguigno. Secondo una recente ricerca negli Usa si è riscontrato un aumento consistente del numero di miopi tra il periodo che va da 1999 al 2004 e i primi anni '70 (+66,4%); dunque, uno stile di vita artificiale sembra avere un ruolo nello sviluppo del vizio refrattivo.