In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Aeroporti. Galati (FI): “No a società unica, Oliverio non faccia errori strategici”

Calabria Trasporti
Giuseppe Galati

“Il sistema aeroportuale calabrese non può essere affidato ad una società unica a cui consegnare la gestione degli scali”. E’ l’intervento deciso dell’On. Giuseppe Galati, deputato e vicecoordinatore di Forza Italia in Calabria.

“La direzione della Sacal, società che gestisce l’aeroporto di Lamezia Terme, ha prodotto risultati crescenti negli anni e non può certamente essere messa in discussione. I risultati raggiunti – osserva l’On. Galati - sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. Nel corso degli anni si è registrato, infatti, un aumento costante nel flusso dei passeggeri fino ad aver raggiunto nell’anno appena passato la cifra considerevole di circa due milioni e quattrocentomila utenti. A tutto ciò occorre considerare l’ulteriore miglioramento dei servizi offerti che sarà possibile ottenere grazie alla nuova aerostazione prevista da tempo”.

“Sarebbe da irresponsabili e poco lungimirante – sottolinea - mettere in crisi una società attiva ed efficiente come la Sacal attraverso la costituzione di una società unica che rilevi solo i debiti degli atri aeroporti. Nessuno mette il dubbio che la crescita economica della Calabria passa anche da altri sistemi infrastrutturali, ma cancellare l’attuale gestione dell’aeroporto di Lamezia Terme, in continua crescita, per realizzare la costituzione di una società unica, mi sembra fuori da ogni logica”.

L’Onorevole Galati conclude con determinazione: “Oliverio non faccia errori strategici. Se in questi giorni si sono mossi alcuni passi da parte dell’esecutivo regionale nella costituzione della società unica occorre fare immediatamente retromarcia. Non è ammissibile penalizzare la vera porta di ingresso della Calabria in termini di prospettive future, flussi di turisti e di viaggiatori. Numeri incontestabili che parlano con estrema chiarezza. Solo così si tutela lo sviluppo dell’intera regione”.