In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Coldiretti sulla Giornata mondiale della Terra

Calabria Attualità

In occasione della 45ma Giornata mondiale della Terra, il cui tema è “il volto del cambiamento climatico”, che ricorre come ogni anno il 22 aprile Coldiretti Calabria ne condivide gli stessi principi, che - dichiara il suo presidente Pietro Molinaro - “sono il fondamento delle nostre attività, contando sulla sostenibilità ambientale e, attraverso questa, alla sicurezza alimentare. La Terra è un bene che è il più grande che abbiamo, ed è il fondamento della vita. In numero sempre maggiore - continua – i cittadini (in Calabria se ne stimano 400mila) acquistano prodotti a Km zero nella rete di aziende dei Mercati e Botteghe promosse dalla Fondazione Campagna Amica e questo ha sicuramente rimodulato in termini culturali la vita dei calabresi che così hanno dato una mano all’abbattimento dell’anidride carbonica a effetto serra nell’atmosfera. Nella Rete di Campagna Amica, si trovano solo prodotti locali del territorio messi in vendita direttamente dagli agricoltori e questo significa tra l’altro, promuovere la conoscenza della stagionalità dei prodotti con i cibi in vendita che non devono percorrere lunghe distanze riducendo notevolmente le emissioni in atmosfera. Non è solo una celebrazione ma una testimonianza attiva del ruolo fondamentale che svolge l’agricoltura che rispetta stili di vita rispettosi del nostro pianeta. L’iniquo sfruttamento delle risorse naturali è un tema che deve appassionarci e portare, nella nostra regione a scelte fondamentali sul consumo eccessivo del suolo agricolo, sulle discariche e l’assurdo proliferare di impianti eolici e fotovoltaici che stanno compromettendo in modo notevole lo sviluppo dei territori nel rispetto della loro vocazionalità. “La tutela della Terra – conclude Molinaro – non è una moda passeggera ma una grande questione umanitaria che deve vedere impegnate le Istituzioni ,ad ogni livello di responsabilità, in un sistema legislativo e autorizzatorio meno permissivo e che guarda al futuro”.