In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Alimenti: alcaloidi tropanici nelle palline vegetariane di miglio Alnatura

Calabria Attualità

Il comunicato diffuso dall'Ufficio federale della sicurezza alimentare tedesco è molto chiaro e non lascia spazio a dubbi. In due tipi di articoli prima del consumo sono state rilevati valori troppo elevati di alcaloidi tropanici. Non possono essere esclusi rischi per la salute. Per questo motivo Alnatura richiama l'articolo “palline di miglio”.

Durante un controllo interno di Alnatura sono state riscontrate in una partita del prodotto tracce di alcaloide tropanico, una sostanza vegetale. Alnatura sul suo sito prega i clienti di consumare i prodotti interessati dal ritiro. Gli articoli sono in vendita in diverse filiali in tutta Europa compresa l'Italia. Gli articoli possono essere restituiti in qualsiasi esercizio, ottenendo il rimborso del prezzo di acquisto.

Gli alcaloidi tropanici sono presenti naturalmente in alcuni vegetali, come difesa dai predatori. Durante il raccolto, può accadere che i semi di questi vegetali siano raccolti insieme ai cereali e rientrino nel processo di elaborazione. Possono causare sintomi acuti come stordimento, mal di testa o nausea. Si consiglia ai genitori che hanno alimentato i loro bambini con questo prodotto di consultare un pediatra nel caso in cui i bambini accusino disturbi di salute. Per maggiori Le moderne analisi di laboratorio permettono oggi di individuarne le tracce residue.

Il ritiro avviene perché il prodotto “polpette di miglio” di Alnatura con data di scadenza 03.08.2015 e 12.8.2015 supera il valore indicativo consentito. Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” rilanciando l'allerta riportata dal portale del governo svizzero, invita i consumatori di astenersi dall’acquisto del lotto interessato invitando chi lo ha già effettuato a non utilizzare il prodotto e a riconsegnarlo al punto vendita, per il rimborso o la sostituzione.

Per evitare futuri problemi, aziende ed autorità non possono dare per scontato che i prodotti alimentari siano tutti e sempre sicuri; servono verifiche sul campo approfondite, sui processi e sui controlli, in laboratorio e a tavolino. Sono episodi del tutto evitabili, se si procede nella maniera giusta.