In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Criminalità: rapporto Lazio, 35 clan ‘ndrangheta sul territorio

Calabria Cronaca

Sono 88 i clan mafiosi presenti sul territorio del Lazio, di cui 35 appartenenti alla 'ndrangheta, 16 a Cosa Nostra, 29 alla Camorra, 2 alla Sacra Corona Unita, 6 autoctone.

E' quanto emerge dal rapporto sulla presenza delle mafie nella regione, scritto dall'Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio, in collaborazione con la Fondazione Libera Informazione. Il documento è un resoconto di alcune delle diverse attività di indagine messe in atto dalla magistratura e dalle forze di polizia nel corso degli anni. La lettura offre un'analisi sulla penetrazione della criminalità organizzata nella regione. Per questa sua funzione conoscitiva e per gli spunti di riflessione, il rappresenta uno strumento fondamentale nella battaglia per la legalità.

Dal rapporto emerge che la Regione Lazio non è terra di mafia, ma terra per le mafie, un territorio cioè appetibile per i boss ed in cui le cosche non puntano al controllo militare ma al controllo di pezzi del tessuto economico-produttivo. Il rapporto ricostruisce i diversi stadi dell'infiltrazione mafiosa nel corso degli ultimi 30 anni, dalla presenza all'insediamento, per arrivare in tempi recenti al vero e proprio radicamento.

Un altro dato che conferma il radicamento mafioso è il numero dei sequestri operati dal Tribunale per le misure di prevenzione di Roma su indicazione della DDA. Nel solo 2014, in provincia di Roma, sono stati posti i sigilli a 849 beni immobili e 339 aziende per un valore di oltre un miliardo di euro. Roma è la terza città per sequestri di beni dopo Milano e Palermo, il Lazio è la sesta regione per le confische.

La dimensione del riciclaggio, oltre che dalla quantità dei beni sequestrati e confiscati, viene rilevata anche dal numero delle segnalazioni delle operazioni finanziarie sospette che per il 2013 la Banca d'Italia indica in 9188. Un dato che rappresenta il 14% delle operazioni nazionali e che vede il Lazio al secondo posto dopo la Lombardia (la stima di queste operazioni è di circa 10 miliardi). Infine, nel rapporto si rileva che dal 2012 al 2014 nel Lazio risultano indagati per associazione di stampo mafioso 834 persone mentre per il traffico di droga, in relazione alle inchieste della Dda della Capitale, gli indagati sono 3586.