In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ritardi pagamenti Pubblica amministrazione, M5s: intervenga Ue

Calabria Attualità

"L'Unione europea dovrebbe aprire una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato rispetto della normativa europea che regolamenta i tempi di pagamento dei fornitori da parte delle Pubbliche amministrazioni italiane". Lo hanno chiesto con un'interrogazione alla Commissione europea Piernicola Pedicini e altri quattro portavoce eurodeputati del M5s.

"Questi ritardi - è scritto nell'interrogazione - comportano costi importanti per le aziende creditrici, ed in particolare per le piccole e medie imprese italiane. Nel nostro Paese i tempi medi di pagamento delle strutture sanitarie pubbliche verso i fornitori sono di 172 giorni, con un debito registrato di circa tre miliardi e mezzo di euro. In alcune regioni italiane, quali la Calabria e il Molise, - viene sottolineato dai portavoce del M5s - i tempi medi di pagamento superano addirittura i 600 giorni, come nel caso dell'Azienda ospedaliera Mater Domini di Catanzaro (1459 giorni) o l'Azienda sanitaria regionale di Campobasso (653 giorni).

La Direttiva della Ue 2011/7 fissa il limite di 30 giorni, prorogabile fino a 60 giorni, per il tempo delle transazioni commerciali fra imprese private e pubbliche amministrazioni.

In Italia questa norma non viene rispettata, quindi - hanno concluso Pedicini e gli altri quattro portavoce del M5s - è urgente un intervento da parte della Commissione europea a tutela dei diritti delle imprese fornitrici italiane".