In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Strage di Duisburg, Strangio: “sono innocente”. E vuole incontrare il Papa

Calabria Cronaca

Sono innocente, non ho commesso gli omicidi per i quali sono stato condannato in via definitiva". Vuole gridarla ad alta voce la sua innocenza Giovanni Strangio, considerato l’ideatore e tra gli esecutori materiali della famigerata strage di Duisburg del ferragosto del 2007.

Durante la trasmissione di Klaus Davi, "KlausCondicio", Strangio afferma di voler incontrare anche il Papa: “così umano e così vicino a noi poveretti” afferma, confessando che l’eventuale faccia a faccia con Bergoglio gli “sarebbe di immenso conforto” anche perché si dice certo “che i suoi occhi guidati da Dio saprebbero leggere i miei, la mia innocenza e la mia bontà”.

Ma non vuole presentare alcuna supplica al Santo Padre perché, dice prosegue Strangio “Ho troppo rispetto di Dio e del suo rappresentante in terra … per chiedergli di intercedere in queste vicende. Posso dirle, però, che nel corso delle lunghe, disperate e solitarie riflessioni – racconta all’intervistatore - mi sono spesso interrogato sul perché proprio a un poveretto come me Dio abbia dato una croce così pesante da portare. Nella Bibbia – aggiunge - questa domanda è spiegata dalla storia di Giobbe, l'uomo più devoto al Signore, a cui Dio manda continue prove da affrontare per mettere alla prova la sua devozione. Chiederei al Santo Padre di spiegare a un poveretto come me, che non ha studiato … il senso del dolore, perché ci sono momenti di sconforto in cui mi allontano da Dio e altri in cui lo prego di farmi capire dove ho sbagliato, in che modo l'ho offeso per mandarmi tutto questo dolore".

Strangio insiste poi continuando a professare la sua innocenza e ribadendo di voler continuare a gridarlo “con tutto il fiato che ho in corpo fino alla fine dei miei giorni. Se lo Stato italiano vorrà condannarmi a morire in carcere e, cosa ancor più grave, vorrà togliere un padre a due figli per fatti che non ho commesso deve sapere che - conclude - sta distruggendo la vita di un innocente e io non smetterò mai di ribadirlo”.