In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ambiente: Oliverio presiede riunione struttura tecnica di valutazione

Calabria Attualità

Il Presidente della Regione Mario Oliverio – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – ha presieduto una riunione, alla quale ha partecipato anche il Dirigente generale del Dipartimento “Ambiente” Domenico Pallaria, della Struttura Tecnica di Valutazione, che non si riuniva da qualche anno.

La Struttura si occupa di VIA (Valutazione impatto ambientale), VAS (Valutazione ambientale strategica), AIA (Autorizzazione integrata ambientale e VI (Valutazione d’incidenza). Sono ben trecentocinquanta le pratiche in giacenza, presentate da istituzioni ed enti, che aspettano dal 2010 di essere valutate dalla Struttura e che prevedano la realizzazione di opere per una spesa di alcuni milioni di euro. Nel corso della riunione, il Presidente Oliverio ha sottolineato l’urgenza di dare risposte, in tempi brevi, alle istanze presentate, per fare in modo che si possa dare il via alla realizzazione delle opere previste dai progetti presentati.

“E’ incredibile – ha detto il Presidente Oliverio – che per così tanti anni siano rimaste bloccate centinaia di pratiche riguardanti progetti dei Comuni, dei privati e di enti per la realizzazione d’investimenti, in molti casi d’interesse generale, che, per lo più utilizzano risorse dell’U.E., regionali e statali. Siamo di fronte al paradosso che la Regione, in questi anni, mentre in un Dipartimento concedeva finanziamenti, nel Dipartimento “Ambiente” venivano bloccate, di fatto, le risorse e gli investimenti concessi, con grave danno per l’economia, il sistema delle imprese, l’occupazione ed i servizi.

Bisogna chiudere questa stagione negativa. Il pregresso accumulato deve essere, in tempi certi, smaltito. Per questo, attraverso un Piano straordinario e la costituzione di gruppi di lavoro tecnici, saranno esaminate, rapidamente, tutte le pratiche giacenti. In tal senso saranno fatte verifiche quindicinali e saranno concentrate le necessarie risorse umane per normalizzare la situazione. Parimenti, sarà costituito un nucleo tecnico-giuridico di esperti per una riforma di leggi e regolamenti, in direzione dello snellimento delle procedure e di una adeguata organizzazione delle strutture preposte all’esame, all’istruttoria ed alle autorizzazioni in materia di valutazione ambientale”.