In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Tumori: rapporto Airtum 2014, al Sud meno colpiti

Calabria Sanità

"Nel 2015 il numero di italiani che hanno ricevuto una diagnosi di tumore toccherà i tre milioni, una persona su quattro può considerarsi “già guarita”. Lo afferma il rapporto Airtum 2014 sui tumori in Italia presentato oggi al ministero alla Salute, alla presenza del ministro Lorenzin.

"Il tumore principale per le donne è quello della mammella che colpisce oltre 600mila donne , mentre sono 300mila i maschi che hanno ricevuto una diagnosi di tumore della prostata". Lo studio, condotto sui 45 registri tumori italiani che coprono il 53 per cento della popolazione, ha calcolato un aumento del 20 per cento dei casi rispetto al 2010. Oltre il 20 per cento degli uomini ed il 13 per cento delle donne sopra i 75 anni sono interessati dal fenomeno.

Dal rapporto Airtum 2014, emerge che per le diverse sedi neoplastiche possono ritenersi già guariti: il 94 per cento dei pazienti quando la diagnosi è stata di cancro ai testicoli, il 76 per cento chi l' ha avuta alla tiroide, il 74 per cento per la cervice, il 72 per il linfoma di Hodgkin, il 67 del cervello, il 53 per l'endometrio ed il 52 per cento per i tumori del tessuto connettivo.

L' analisi ha calcolato anche quanto è necessario aspettare dopo la diagnosi per potersi considerare guariti. Per il tumore della mammella, ad esempio, oltre il 50 per cento delle donne con la diagnosi non morirà a causa della malattia, ma servono 20 anni per potersi dichiarare guariti.

Un dato simile si trova per quello della prostata, mentre per il colon retto è meno della metà. La regione dove c'è più frequenza di casi è la Lombardia, "ma questo dato - afferma Emanuele Crocetti, segretario nazionale dell' Airtum - è legato anche al numero della popolazione. Mentre in termini che possono essere confrontati, la prevalenza dei tumori è maggiore al Nord-Italia: più di 5 persone su 100 hanno avuto un'esperienza di malattia oncologia, al Sud sono meno di 4".

Per Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) è "importante che chi guarisce ritorni alla vita normale, potendo contrarre mutui oppure stipulare assicurazioni ma oggi, purtroppo, ciò non è possibile". (AGI)