Presentazione del libro di Gianfrancesco Turano “Ragù di capra”

Conferenza
  • Data
  • Luogo
    Circolo di Catanzaro 1871

Ragù di capra” è il volume scritto da Gianfrancesco Turano. Il giornalista de L’Espresso, che ha organizzato l’evento in collaborazione con l’Associazione Gutenberg Calabria.

Pubblicato per la prima volta nel 2005 Flaccovio Editore e ristampato nel 2018 da Città del Sole Edizioni, “Ragù di capra” è un racconto che affronta il tema della ‘ndrangheta visto da una prospettiva diversa, nel quale in una trama suggestiva si sviluppano le vicende un rappresentante della borghesia milanese a cercare il supporto della ‘ndrangheta. Non si assiste a quello che viene definito “il contagio”. Protagonista è Stefano Airaghi, imprenditore milanese che per cercare di risolvere i suoi problemi economici cerca contatti con la ‘ndrangheta, un incontro che può essere considerato “inverso” rispetto alla consuetudine.

Nato a Reggio Calabria, Gianfrancesco Turano, giornalista e scrittore, ha lavorato come traduttore per Giunti Editore. Nel 1987 ha vinto il concorso per la Scuola di giornalismo Gino Palumbo del Corriere della Sera con cui ha collaborato. Nel 1989 è stato assunto al settimanale economico-finanziario Il Mondo e dal 2009 lavora a L’Espresso. In campo letterario ha scritto vari testi teatrali e vinto nel 1989 il premio Ater-Riccione per la drammaturgia.

Ha scritto due saggi (Tutto il calcio miliardo per miliardo, 2007, Fuorigioco. Calcio e potere, 2012) e quattro romanzi oltre a Ragù di capra: Catenaccio (2006), L’ultima bionda (2007), Remedia amoris (2009) e Contrada Armacà (2014). Ha pubblicato, inoltre, inchieste su corruzione, riciclaggio, finanza offshore e altre realtà propulsive per lo sviluppo economico.